4 / 100

Fisco-Imposte-Tasse-Contributi-Estratti di Ruolo
Noi Consumatori Lombardia
Movimento Anti-Tax sede di Como

Dal 16 ottobre 2020 l’Agenzia delle Entrate Riscossione (già Equitalia) ha ripreso la sua attività di riscossione.
Varrebbe la pena che ogni contribuente in mora valutasse la propria posizione per comprendere se sia possibile che, a causa del tempo trascorso, fare accertare l’avvenuta prescrizione della pretesa tributaria.
Pertanto, i contribuenti possono recarsi nei locali dell’Agenzia di Riscossione (già occupati precedentemente da Equitalia) e chiedere ed ottenere gli estratti di ruolo da cui si evince la pretesa totale ed aggiornata.
In effetti, la pretesa fiscale potrebbe essere ormai nulla per avvenuta prescrizione del diritto di riscuotere.
La sentenza della Suprema Corte di Cassazione a SS.UU. n. 23397 del 17.11.2016 statuisce importante principio in riferimento agli artt. 2946 c.c. e 2948 c.c., e cioè “la cartella esattoriale, pur avendo le caratteristiche di un titolo esecutivo, resta un atto amministrativo privo dell’attitudine ad acquistare efficacia di giudicato, il che significa che la decorrenza del termine per l’opposizione, pur determinando la decadenza dalla possibilità di proporre impugnazione, produce soltanto l’effetto sostanziale della irretrattabilità del credito mentre non determina alcun effetto processuale, sicché non può trovare applicazione l’art. 2953 c.c. ai fini della operatività della conversione del termine di prescrizione breve ( quinquennale) in quello ordinario decennale“.

Da ultimo: Corte di Cassazione – Ordinanza 03.01.2018 n.21; Cass. Ord. N.1997/2018; Cass. Ord. 930/2018.

Inoltre, si cita la sentenza della Suprema Corte n. 30362 del 23.11.2018 nella quale è stato statuito: “la prescrizione quinquennale è giustificata da un ragionevole principio di equità che vuole che il debitore venga sottratto all’obbligo di corrispondere quanto dovrebbe per prestazioni già scadute tutte le volte che queste non siano state tempestivamente richieste dal creditore.” e, ancora, “il nuovo orientamento ha esteso i margini difensivi del cittadino il quale potrà chiedere al Giudice l’estinzione del credito statale per intervenuta prescrizione breve non soltanto nei casi di notifica di cartella esattiva bensì anche nelle fattispecie riguardanti qualsiasi atto amministrativo di natura accertativa (avvisi di accertamento, avvisi di debito ecc…)”.

Ultimamente son intervenute altre due sentenze della Suprema Corte n. 1652/2020 e n. 7409/2020.

Fisco-Imposte-Tasse-Contributi-Estratti di Ruolo
Noi Consumatori Lombardia
Movimento Anti-Tax sede di Como

slide-15-fisco-imposte-tasse-contributi-estratti-di-ruolo-noi-consumatori-lombardia-movimento-anti-tax